Perchè credere in Dio?

Da premettere che credere perchè Dio esiste, è quantomeno sciocco, se non altro perchè non è dimostrabile.

Quindi le motivazioni che spingono a credere in Dio sono (o potrebbero essere, ma non solo) i valori.

Bella parola, della quale si fa uso e abuso sempre più comunemente, ma cosa sono questi valori?

La libertà, la tolleranza, la giustizia, il rispetto, la pace, l’amore, – cristianamente parlando – la famiglia, e via dicendo.

Fondamentalmente i valori non sono elementi prettamente cristiani, sono elementi che sono accomunabili a cristiani e a laici indistintamente.

Allora perchè credere?

Perchè la chiesa, “l’istituzione” che rappresenta Dio, è – nei suoi componenti “istituzionali” – rigorosa nell’applicare questi “valori”.

Ma è davvero così?

Dalle crociate ai preti pedofili non sembra proprio!

Beh, allora perchè credere?

Proviamo a trasformare la domanda in: Perchè non credere?

Perchè la chiesa è formata da uomini, che come tali sbagliano, e continueranno a sbagliare, e non sembra proprio che lo facciano in misura minore rispetto ad altre istituzioni laiche!

Se si riesce a stroncare la chiesa in elementi forti come i valori, cadono proprio le basi, e la discussione non ha motivo di esistere.

In realtà comunque il problema non è Dio, ma è proprio la chiesa.

Dio potrebbe pure esistere, anche se non è dimostrabile, ma la chiesa che ci sta a fare?

E supponendo che Dio esistesse sul serio, la posizione della chiesa – che si fa portatrice del messaggio di Dio –  sarebbe ancora peggiore!

Perchè?

Perchè il messaggio di Dio predica valori, e proprio su quei valori la chiesa fa acqua da tutte le parti!

Qualcosa da dire?

I commenti sono aperti!

I commenti sono chiusi.